L’approccio CLLD nella programmazione 2014-2020: la costruzione della strategia di sviluppo locale

L-approccio-CCLD-nella-programmazione-2014-2020

Laboratorio pratico per GAL e attori CLLD

Le novità introdotte dalla programmazione 2014-2020 pongono i GAL in primis e in generale tutti i soggetti che desiderano sviluppare il CLLD di fronte alla sfida di compiere un salto di qualità nell’elaborazione, attuazione e gestione dei propri Piani di Sviluppo Locali.
È infatti ormai evidente la necessità di acquisire competenze idonee a identificare, porre in atto, monitorare e valutare un’opportuna strategia di CLLD: ciò necessariamente implica la conoscenza e la pratica di metodi e di strumenti della progettazione partecipata, che sono di fatto la base per costruire una strategia efficace e di successo.

Il corso di formazione “L’approccio CLLD nella programmazione 2014-2020: la costruzione della strategia di sviluppo locale” si pone l’obiettivo di realizzare un laboratorio pratico di progettazione partecipata all’interno del quale vengono forniti gli elementi base relativi al Project Cycle Management e la metodologia dell’approccio del Quadro Logico, lavorando su casi concreti inerenti la priorità n.6 focus area b del FEAR Stimolare lo sviluppo economico nelle zone rurali per la quale Leader è rilevante.

Nello specifico, l’approccio del Quadro Logico è un metodo che facilita la pianificazione e il coordinamento di progetti attraverso una chiara definizione degli obiettivi e si inquadra nell’approccio integrato del PCM (Project Cycle Management), diffuso a partire dal 1993 dalla Commissione Europea come standard di qualità nelle fasi di programmazione, gestione e valutazione di interventi complessi, ed oggi più che mai attuale.

L’approccio del Quadro Logico fornisce metodi e strumenti per lavorare in diverse fasi della progettazione: nella fasi di analisi, pianificazione, attuazione e completamento/valutazione.

Il corso proposto ai GAL si concentra sulle fasi di analisi e pianificazione, ovvero su quelle che entrano in gioco per la messa a punto della strategia di sviluppo locale:

  • nella fase di analisi, per identificare e caratterizzare i principali portatori di interesse; identificare i problemi chiave e i rapporti causa-effetto; sviluppare soluzioni per i problemi identificati, mettendo a fuoco la relazione fra strumenti e finalità, tenere conto degli eventuali rischi esterni e/o interni ed elaborare strategie per rispondervi;
  • nella fase di pianificazione, per connettere agli obiettivi i risultati attesi in modo rigoroso; definire indicatori di obiettivo e di risultato misurabili e coerenti; determinare la sequenza ed i vincoli di dipendenza fra le attività da realizzare; chiarire la suddivisione dei compiti tra i vari attori coinvolti; programmare input e risorse necessarie;

Per facilitare il processo di apprendimento della metodologia, il laboratorio lavora sulla priorità 6.b, e si conclude con la proposta, ai fini didattici, di una simulazione/caso pratico di costruzione di un piano d’azione focalizzato sui temi:

  • turismo sostenibile
  • valorizzazione dei beni culturali e del patrimonio artistico territoriale

due ambiti strategici fra quelli identificati dall’Accordo di Partenariato italiano su cui si dovranno indirizzare le strategie di sviluppo locale.

DESTINATARI

Il corso è dedicato a tutti i professionisti del turismo, dei servizi, della ricettività o dei settori ad essi correlati che intendono acquisire ed approfondire le conoscenze sulle opportunità e modalità di conseguimento dei fondi europei.

PROGRAMMA

  • 1° Modulo: Il quadro di riferimento
  • 2° Modulo: Gli strumenti della progettazione partecipata
  • 3° Modulo: Dal laboratorio al territorio

Per il programma completo scarica la brochure

METODOLOGIA

La metodologia didattica utilizzata è di tipo partecipativo e interattivo; ai momenti in plenaria si susseguono le fasi di esercitazione pratica in sottogruppi, dove la restituzione finale guidata rappresenta un momento fondamentale del processo di appropriazione di metodi e strumenti.
Per una buona riuscita del seminario quindi il numero di partecipanti deve essere massimo di 10.

NOTE

Le lezioni hanno un’impostazione strettamente operativa; è necessario avere un PC portatile per le esercitazioni in aula. E’ presente il WIFI.

DURATA

ll percorso formativo è strutturato in 3 moduli, suddivisi su 2 giornate, così articolate:
1° e 2° giorno: dalle 9 alle 13 – dalle 14.30 alle 18.30
3 moduli distinti non acquistabili separatamente per un totale di 16 ore di formazione

COSTI

Il costo è di 380€ + IVA 22% per per l’intero percorso.
La quota di partecipazione comprende:

  • Materiale digitale dei moduli formativi
  • Momenti di confronto diretto con i docenti ed esercitazioni pratiche
  • Attestato di partecipazione
  • Coffee break

PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Tel: +39 011 4407078
Mail: info@fourtourism.it

Seguici su